ENERGIA ELETTRICA
       ARIA COMPRESSA
       ENERGIA TERMICA
       EFFICIENTAMENTO
       BUSINESS CONTINUITY
       ENERGIA DELL'IMPRENDITORE
  ENERGIA ELETTRICA
  ARIA COMPRESSA
  ENERGIA TERMICA
  EFFICIENTAMENTO
  BUSINESS CONTINUITY
  ENERGIA DELL'IMPRENDITORE
Davide Barbares

Davide Barbares

Autore: Vincenzo Greco Manuli

Dopo un’esperienza in una famosa multinazionale e 10 anni da direttore della logistica in un’azienda di stampaggio, è tornato alle origini, rientrando nell’azienda di famiglia e portandola al successo.

Stiamo parlando di Davide Barbares, l’imprenditore illuminato e visionario che ha messo le ali a Euromacchine, azienda specializzata in soluzioni innovative per rispondere alle esigenze d’irrigazione agricola e pompaggio dell’acqua, anche in situazioni d’emergenza con necessità di pronto intervento.

«Quando sono entrato nell’azienda della mia famiglia, fondata nel ’79 da mio padre Lino, Euromacchine si dedicava principalmente alla commercializzazione di macchine agricole, anche se nel 1999 mio padre aveva iniziato la produzione di motopompe – ci ha raccontato Davide -. Il mio piano era far diventare l’azienda una realtà altamente specializzata nel mondo del pompaggio, e papà mi ha dato fin da subito carta bianca, tenendomi sempre una mano appoggiata sulla spalla per ricordarmi che lui sarebbe stato lì, in caso di bisogno (e forse in parte anche per tenermi sotto controllo, dato il profondo legame che lo unisce all’azienda)».

Focalizzarsi su un settore sul quale l’azienda non aveva mai puntato fino a quel momento è stato un gesto coraggioso, ma la famiglia Barbares si fidava ciecamente di Davide: «Commercializzare i prodotti di altri non poteva essere il mio, il nostro sogno: volevo vendere qualcosa di nostro. Certo, allora non sapevo ancora nulla del mondo del pompaggio: quello che sapevo era che dovevo portare l’azienda verso nuovi orizzonti. Dovevamo porci nuovi obiettivi, strutturarci, creare procedure condivise e costruire le fondamenta di una gestione industriale. Non è stato facile, considerando che quando sono entrato in azienda si lavorava ancora con il fax».

Davide ha vinto la sua sfida nel giro di 10 anni, portando l’azienda a fare fatturati importanti, passando da 11 a 40 dipendenti e inaugurando il nuovo capannone.
«Io però non amo misurare il successo basandomi sul fatturato – ha chiarito Davide -. Il risultato più importante che sono riuscito a raggiungere è quello che ho ottenuto sulle persone. In azienda vige una grande armonia, è un ambiente giovane e dinamico a cui ci si affeziona subito e che rimane per sempre nel cuore. Ne è prova il fatto che i pochi che in questi anni sono andati via, alla fine sono sempre tornati. Il cuore di Euromacchine è ancora la famiglia, il rispetto per le persone e la cultura d’impresa. Diamo molta importanza al welfare aziendale, non mancano mai bonus e riconoscimenti per i miei colleghi (sì perché io li considero in tutto e per tutto colleghi, non dipendenti), e tutto, dal cibo al caffè della macchinette alle bevande, è completamente gratuito per chi lavora qui. Gli orari sono molto flessibili e le persone possono anche scegliere di lavorare part time, magari perché hanno figli o persone da accudire. Se c’è una frase che continuo a ripetere loro è: “Ditemi di cosa avete bisogno”.  Il rispetto è sempre reciproco: se l’azienda rispetta il collaboratore, quest’ultimo rispetta l’azienda».

Insomma, nonostante l’azienda sia cresciuta considerevolmente in questi anni, al centro c’è sempre la persona.

A chi lo definisce “lungimirante”, Davide Barbares risponde che semplicemente odia gli sprechi: «La nuova Euromacchine è particolarmente “ordinata”: ci sono procedure per qualunque cosa, e tutti le conoscono e le rispettano».

Per differenziare la sua offerta sul mercato, Davide ha scelto di puntare tutto sulla qualità: «Sono un grande amante del libro “Strategia oceano blu” di Renée Mouborgne e W. Chan Kim. Il nostro oceano blu lo abbiamo trovato puntando tutto sulla qualità dei nostri prodotti, sistemi di pompaggio performanti, altamente customizzabili per i quali abbiamo delle esclusive internazionali, che rispondono ai bisogni dei clienti che necessitano di un prodotto estremamente sicuro e affidabile».

In effetti la sicurezza è un altro elemento altamente differenziante (e molto gradito dai clienti) di Euromacchine: «Testiamo il 100% delle nostre macchine, e purtroppo non è una procedura così scontata. Non tutti lo fanno, e non tutti lo fanno come lo facciamo noi: i sistemi di pompaggio vanno testati a pressioni molto importanti, quindi ci siamo strutturati per avere una sala prove che testi a 15/20 bar. È un po’ come se gli altri si limitassero a testare un’automobile su asfalto, e noi invece lo facessimo anche su strade dissestate, in montagna, sulla sabbia, ecc. Certo, gli investimenti che abbiamo dovuto sostenere per la sala prove e che dobbiamo continuare a fare per i test sono importanti, ma questa politica ha diminuito sensibilmente i reclami da parte dei nostri clienti, che oggi sono tutti estremamente soddisfatti dei nostri prodotti».

«Naturalmente capita anche a noi di sbagliare – ha chiarito – ma quando succede ci mettiamo sempre la faccia. La mia filosofia è trattare il cliente come vorrei essere trattato io. Se io acquistassi un’auto nuova e, appena uscito dal concessionario, riscontrassi un problema, vorrei poter rientrare in concessionaria e ottenerne immediatamente una nuova. Non bisogna mai dimenticare che i clienti sono la risorsa più importante per l’azienda. Per me è importantissimo che si possano fidare ciecamente di noi. La fiducia è alla base di qualsiasi buon rapporto. Se per esempio un cliente ci chiede 40 pompe particolari e io so che in Inghilterra esiste già un distributore ufficiale di quella tipologia di pompa, piuttosto perdo un ordine da 250.000 euro, ma non gliela vendo. Anzi, chiamo personalmente il distributore inglese e gli passo il contatto del cliente, che potrà così risparmiare sensibilmente sull’acquisto e rivolgersi ai migliori di quel campo specifico. Anche i rapporti con i fornitori sono molto importanti per noi: paghiamo sempre tutti una settimana prima della scadenza della fattura, persino quelli che si sono comportati male. Non smetteremo mai di essere belle persone».

Il processo di miglioramento continuo messo in atto da Davide ha portato l’azienda a essere un punto di riferimento nel settore («Il che significa in pratica che i concorrenti spesso e volentieri copiano i nostri lavori. Noi però li lasciamo fare: non ci interessa copiare, ci interessa innovare»)Guai però a chiedere a Davide se sia soddisfatto dei risultati raggiunti: «Noi non ci riteniamo affatto arrivati: siamo solo all’inizio del cammino. La strada è ancora lunga e a volte un po’ tortuosa, ma ci stiamo godendo il viaggio».

Davide Barbares

EMERGENZA ENERGETICA

Scarica la guida gratis!
LINK>> SCARICA ORA LA GUIDA
Condividi questo articolo