ENERGIA ELETTRICA
       ARIA COMPRESSA
       ENERGIA TERMICA
       EFFICIENTAMENTO
       BUSINESS CONTINUITY
       ENERGIA DELL'IMPRENDITORE
  ENERGIA ELETTRICA
  ARIA COMPRESSA
  ENERGIA TERMICA
  EFFICIENTAMENTO
  BUSINESS CONTINUITY
  ENERGIA DELL'IMPRENDITORE
Aria Compressa - Economia Circolare
Autore: Vincenzo Greco Manuli

Per quanto ancora potremo resistere seguendo la logica dell’economia lineare?
Siamo ormai circondati, invasi, soffocati dai residui – spesso pericolosi – derivanti dallo sfruttamento incondizionato delle preziose risorse del nostro Pianeta.
Acque un tempo limpide vengono inquinate dalle discariche, portando malattie, malformazioni, sofferenze, morte.
L’effetto serra è aggravato giorno dopo giorno dall’utilizzo di combustibili fossili per la produzione di energia ma anche di plastiche che, a fine vita, finiscono nella catena alimentare animale (e poi nella nostra), decretando vere e proprie stragi di esseri viventi.

Come invertire questa pericolosa rotta?
Girando il timone tutti insieme.
La scienza parla chiaro: se l’intera popolazione terrestre non comincerà presto a considerare le conseguenze di ogni sua scelta e azione, gli effetti saranno devastanti. Lo sforzo, dunque, dev’essere collettivo.

Ma come può contribuire ognuno di noi? Come possiamo fare la nostra parte?

Un primo passo importante va fatto al supermercato e in generale quando ci apprestiamo ad acquistare qualcosa di nuovo: consideriamo sempre l’impatto ambientale del prodotto che stiamo per portare nelle nostre case. È stato realizzato in maniera sostenibile? Il packaging è funzionale (e magari riciclato) o eccessivo e inquinante? Ma soprattutto, quel prodotto ci serve veramente? Non possiamo semplicemente riparare o riefficentare ciò che già possediamo?

Economia Circolare: è il mercato che lo chiede

L’economia circolare è il futuro, e da imprenditori non possiamo ignorare questa nuova frontiera di business sostenibile. Basterebbe interpretare e seguire i megatrend del mercato e i nuovi bisogno dei consumatori per rendersi conto che la sostenibilità conviene in tutti i sensi.

Ogni volta che progetti un nuovo prodotto, parti dalla fine.
Chiediti prima di tutto cosa ne sarà di quel prodotto a fine vita, pensando e progettando il suo design perché sia al 100% riciclabile. L’intero ciclo di vita di un prodotto dovrebbe, appunto, essere un ciclo, ovvero qualcosa di circolare, rotondo, che si ripete all’infinito:

RICICLA – FAI – USA – RICICLA

La nuova sfida che si pone a chi decide di salire sulla barca dell’economia circolare è chiara, dunque: se oggi vuoi sopravvivere in questo nuovo mercato sempre più consapevole (ma soprattutto se vuoi che a sopravvivere siano anche le generazioni future) devi dar vita a prodotti che vivano a lungo grazie alla loro riciclabilità e, perché no, al loro riuso.

I 5 pilastri dell’Economia Circolare

  1. Sostenibilità e rinnovabilità delle risorse.
  2. Il prodotto come servizio (meno legato alla proprietà e più alla sua funzione d’uso).
  3. Sharing Economy: beni al servizio di più utenti per generare più domanda condivisa e meno bisogno.
  4. Rigenerazione ed estensione del ciclo di vita dei prodotti.
  5. Recupero e ricilo del bene in disuso.

Economia Circolare e Aria Compressa

Anche nel mercato dell’aria compressa l’economia circolare trova una perfetta collocazione: è una grande opportunità per il comparto dei manutentori e tecnici che ci lavorano. L’aria compressa infatti è molto importante per l’industria moderna, ma essendo i compressori “energivori”, per generarla è spesso necessario sostenere costi importanti: il consumo di energia può rappresentare un costo sul totale della spesa energetica fino al 20%.

Ecco perché, anche e soprattutto nel settore dell’aria compressa, scegliere una soluzione efficiente è un must, e non un nice to have.

Una soluzione sostenibile davvero alla portata di tutti è quella di passare dal modello di business fondato sulla proprietà a quello fondato sul noleggio. Una scelta che permette di liberare risorse da destinare al core business dell’impresa, perché con il noleggio quello della spesa energetica diventa un costo certo e non più un fastidioso punto interrogativo nel budget. Allo stesso modo, non bisogna più nemmeno mettere in conto le spese di manutenzione e gli imprevisti dovuti a malfunzionamenti o fermi.

Il settore dell’aria compressa offre oggi anche la possibilità di rigenerare i propri impianti, anziché liberarsene quando sembrano essere giunti a fine vita. Molti rivenditori hanno magazzini pieni di rottami che sarebbero per la maggior parte recuperabili, esattamente come succede negli sfasciacarrozze. Rigenerare un compressore d’aria aggiornandolo, anziché buttarlo, è un modo per fare un grandissimo regalo all’ambiente.

Insomma, è ormai certo che il settore dell’aria compressa subirà profonde modificazioni per sopperire alla scarsa efficienza della compressione dell’aria (la maggior parte dell’energia spesa per comprimere si trasforma in calore) e alla scarsa propensione delle aziende italiane a investire in nuovi CAPEX.

L’economia circolare puo rappresentare una forte spinta per ridare vigore al settore e nuova vita a operatori oramai stanchi di guerre sul prezzo che non portano benefici a nessuno.

EMERGENZA ENERGETICA

Scarica la guida gratis!
LINK>> SCARICA ORA LA GUIDA
Condividi questo articolo