antintrusione per aree esterne

Sistemi antintrusione per aree esterne: ecco quali caratteristiche devono avere

Autore: Piero Pampirio

Capita spesso che la mia divisione Smart Business Insurance dedicata alle aziende riceva chiamate da parte di clienti che stanno realizzando dei nuovi insediamenti. Se anche tu ti trovi in questa situazione, assicurati di analizzare con i tuoi progettisti le situazioni più idonee per le seguenti protezioni:

  • antintrusione per aree esterne
  • anti rapina in azienda
  • rilevatori di fumo

Un’analisi che, se eseguita insieme ai tuoi assicuratori, ti garantisce di diminuire i rischi al minimo e di ricavare quotazioni e garanzie più performanti dalle tue polizze assicurative.

In particolare, i sistemi antintrusione per aree esterne oggi sono sempre più utilizzati e apprezzati perché consentono di rilevare un’intrusione prima che il malintenzionato si avvicini al fabbricato o a beni e materiali disposti all’esterno (es. logistica auto, concessionari, macchine movimento terra, attrezzature costose e ingombrati, ecc.).

Sistemi antintrusione per aree esterne: vantaggi e caratteristiche

Tra i tanti sistemi antintrusione per aree esterne disponibili oggi sul mercato, i più comuni sono:

  • barriere microonde e a infrarossi
  • volumetrici
  • sistemi interrati
  • sensori laser

Si tratta di sistemi antintrusione per aree esterne altamente efficaci. Ma attenzione: se non vuoi rischiare di perdere tempo (nonché anni di vita per lo spavento!) dietro ai classici falsi allarmi, devi anche mettere in conto di integrare il tuo allarme con un sistema di videosorveglianza e gestione remota da Centrale Operativa presidiata 0/24. In questo caso sarà un operatore a diagnosticare la veridicità degli eventi e, in caso di reale necessità, a inviare le forze preposte all’intervento.

L’ideale è dotarti dei moderni sistemi antintrusione per aree esterne che sfruttino speciali termo camere e intelligenza video in grado di proteggere anche spazi molto ampi. Questi sistemi consentono con una sola tecnologia di ottenere sia la rilevazione che la visualizzazione dell’evento. Da una parte, le telecamere termiche consentono la visualizzazione diurna e notturna senza l’installazione di tecnologie complementari (es. luci o illuminatori a infrarossi), dall’altra l’intelligenza video permette di analizzare la scena e rilevare la presenza di un intruso persino di notte, in condizioni climatiche avverse o in presenza di scenari complessi che ne nasconderebbero la vista.

Ccc

Per quanto si tratti di sistemi innovativi e davvero rivoluzionari, però, devi prestare una particolare attenzione all’azienda proponente. Per realizzare un sistema antintrusione per aree esterne davvero affidabile e di alto profilo infatti, non basta un evoluto sistema di video sorveglianza, ma è necessario creare un vero e proprio impianto antintrusione. E per realizzarlo devi interpellare innanzitutto il tuo assicuratore: solo lui può consigliarti al meglio per poter ottenere maggiori benefici tariffari sulle coperture.

La caratteristiche ideali di un impianto antintrusione

  • Il software di intelligenza video dovrebbe avere le seguenti caratteristiche:
    • deve utilizzare algoritmi specificamente realizzati per immagini termografiche;
    • deve offrire un’approssimazione tridimensionale della scena;
    • deve saper sfruttare al meglio le innovazioni tecnologiche nel campo della visione artificiale.
  • Le termocamere non devono essere esposte direttamente su internet: è più sicuro renderle raggiungibili esclusivamente tramite Centrale Operativa.
  • La configurazione delle termocamere deve avvenire esclusivamente con protocollo criptato.
  • Il sistema di intelligenza video deve garantire una ridondanza nei sistemi di controllo tramite un apparato hardware indipendente: solo così puoi avere la garanzia che eventuali anomalie di funzionamento hardware e software vengano rilevate tempestivamente.
  • Il sistema di intelligenza video deve essere interfacciabile tramite una scheda in/out che permetta di collegare alla centrale antifurto
    • allarme intrusione
    • manomissione antiaccecamento e mascheramento
    • mancanza segnale video
  • L’intero sistema deve essere autoalimentato per la durata garantita minima di 8 ore.
  • La centrale operativa deve monitorare la presenza di tensione e lo stato delle batterie.
  • Il servizio di post vendita offerto dall’azienda a cui ti rivolgi dev’essere efficiente e affidabile. Il sistema deve essere mantenuto da un’equipe che da remoto sia in grado di variare parametri di programmazione e configurazione. In caso di variazioni dovrà essere possibile collaudare il sistema da remoto senza intervento in loco, attraverso l’uso di un filmato di collaudo appositamente realizzato e archiviato sul gestionale amministrativo in fase di installazione.
  • La piattaforma di ricezione eventi della Centrale Operativa deve integrarsi con tutti i sistemi locali.

Rispettando i principi sopra esposti si ottiene un impianto volumetrico antintrusione per aree esterne con risultati eccellenti, in cui ogni termo camera sarà in grado di proteggere efficacemente circa 2.000 metri quadri senza il rischio di falsi allarmi. Tra gli altri vantaggi da non sottovalutare, inoltre, considera anche un notevole risparmio di energia elettrica (simili impianti non necessitano di illuminazione nelle aree protette), e bassi costi di manutenzione grazie alla totale tele gestione.

Contatta l’autore: redazione@progettoenergiaefficiente.it

EMERGENZA ENERGETICA

Scarica la guida gratis!
Condividi questo articolo