Sfigato o impreparato? La vulnerabilità della tua impresa dipende solo da te

La vulnerabilità dell’impresa italiana agli eventi negativi imprevedibili è un serio problema.

Gli imprenditori che si rivolgono a me dopo un imprevisto che ha letteralmente messo in ginocchio la loro azienda, si sono sempre auto-definiti “sfortunati”. Anche se al momento non era il caso di infierire, però, ho sempre corretto mentalmente il termine in “impreparati”. È un po’ come ai tempi della scuola: se la prof decideva di interrogare proprio te, in una classe di 25 alunni, la consideravi “sfiga” solo se non avevi studiato.

La verità è che l’imprenditore, il manager, è più di tutti soggetto alla cosiddetta “corsa del topo”. Spesso è troppo operativo e poco stratega, non si preoccupa di stilare piani di emergenza per ogni ambito in cui potrebbero servire e basta un ritardo in un pagamento di un cliente o un guasto tecnico per innescare una pericolosa reazione a catena.

E tutto a causa di una cattiva gestione del tempo e di una tendenza tutta italiana (anzi, italiota) di considerare il risk management un’attività porta-sfiga.

Essere vittima della corsa del topo è, a mio avviso, il paradosso più rischioso per l’imprenditore che consuma quasi tutta la sua energia in attività sicuramente importanti ma che non contribuiscono a una crescita sicura e costante all’azienda.

Pochi, per esempio, gestiscono il rapporto con la banca in maniera strutturata e scientifica, e quasi nessuno prepara un book finanziario per ottenere condizioni più favorevoli. Pochissimi, poi, hanno pronti dei piani di emergenza sui fattori della produzione, e in caso di un’inaspettata mancanza temporanea di energia si crea il panico.

>> Scarica gratis la guida per stilare un piano d’emergenza

Occorre quindi lavorare in modo da considerare i rischi parte integrante dei propri processi di business, arrivando a chiedersi quasi in automatico per ogni operazione che si vuol condurre “Cosa succederebbe se….?“.

La fortuna non esiste: è solo un incontro tra la preparazione e l'opportunità. Condividi il Tweet

Il mio consiglio per uscire dalla corsa del topo? Lavorare su un piano strategico triennale che preveda attenzione a tutti i fattori di produzione e che sia completato da una chiara e distribuita catena di comando. D’altra parte, come dice il mio amico Mirco Gasparotto….

L'imprenditore deve rendersi inutile per funzionare. Condividi il Tweet

EMERGENZA ENERGETICA

Scarica la guida gratis!
Condividi questo articolo