Emergenza energetica: la testimonianza del Museo dei Bambini

Patrizia TomasichOggi abbiamo intervistato Patrizia Tomasich, direttrice di Explora, il Museo dei Bambini di Roma, che ci ha raccontato come la sua azienda ha affrontato un’emergenza energetica, un’avaria al gruppo frigo che permette il raffrescamento estivo della struttura.

Benvenuta su Energia Efficiente! Raccontaci chi sei e di cosa si occupa la tua azienda/attività. 

Explora Il Museo dei Bambini di Roma è una struttura permanente, aperta dal 2001, dedicata ai bambini, alle scuole e alle famiglie. I visitatori ogni anno sono oltre 140.000 di cui circa 20.000 fanno parte del  gruppo scuole mentre 130.000 provengono dal gruppo famiglia. Explora offre 4 visite al giorno, dal martedì alla domenica nel padiglione museale con exhibit e percorsi gioco interattivi insieme a diverse attività e laboratori condotti dagli animatori su temi di educazione ambientale, scienza e nuove tecnologie. La cooperativa Museo dei Bambini SCS Onlus che gestisce la struttura permanente è organizzazione con sistema di qualità ISO 9001-2008. Sono la presidente della cooperativa, a maggioranza femminile che attualmente occupa 36 dipendenti.

Cosa accadrebbe se nella tua azienda mancasse l’energia per 24 ore?

Sarebbe grave, non avendo un gruppo elettrogeno di proprietà che possa garantire l’UTA  insieme al riscaldamento o raffrescamento.

Ti è mai capitata un’emergenza energetica?

Si è accaduto 1 volta, in 15 anni di attività, e precisamente questo anno il 9 luglio 2016, che il gruppo frigo che permette il raffrescamento estivo ha avuto un’avaria alla quale abbiamo dovuto supplire con una nuova macchina a noleggio.

Come l’hai affrontata?

Abbiamo contattato un’azienda che si occupa di emergenze energetiche sabato 9 luglio alle ore 20, proprio quando ci siamo resi conto che andava fatta una sostituzione e alla svelta se non volevamo chiudere al pubblico. Dopo aver inviato una mail, alla quale sinceramente non pensavo di avere risposta se non il lunedì successivo, sono stata contattata al cellulare dopo circa 10 minuti, il che è veramente sorprendente. In questa maniera abbiamo potuto accordarci sui dati tecnici e installare la nuova macchina in sostituzione in meno di 2 giorni lavorativi.

La tua azienda ha un Contingency Plan (piano d’emergenza)?

Lo stiamo implementando, visto che nella nuova ISO 9001-2015 è contemplata la mappa dei rischi e la relativa gestione. 

Ti avvali di fonti di energia temporanee per la tua attività?

Abbiamo 2 impianti fotovoltaici che coprono circa il 30% del nostro fabbisogno, diversi gruppi di continuità per alcuni allestimenti, servizio di biglietteria e uffici, Non abbiamo invece, come accennavo prima,  un gruppo elettrogeno che possa supportare l’energia per l’unità di trattamento d’aria insieme a raffrescamento e riscaldamento che è comunque un prossimo obiettivo di miglioramento per la nostra impresa.

Ti sei assicurato che l’azienda a cui ti sei rivolto sviluppi programmi d’intervento in emergenza per i suoi clienti?

Ci stiamo lavorando.

Contatta l’autore: redazione@progettoenergiaefficiente.it

EMERGENZA ENERGETICA

Scarica la guida gratis!
Condividi questo articolo